Il Gioco d’Azzardo Patologico


RAPPORTO DI RICERCA “LE REGOLE DEL GIOCO” (The European House – Ambrosetti  – 19 settembre 2017)

Il Gioco d’Azzardo Patologico è stato riconosciuto come patologia già nel 1980 dall’Associazione degli Psichiatri Americani ed è stato classificato nel Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM) IV come “disturbo del controllo degli impulsi non classificati”. Il successivo DSM V nel 2013 ha riclassificato il GAP/DGA insieme agli altri disturbi da sostanze psicoattive nella neo istituita categoria “disturbi correlati a sostanze e disturbi da addictions” che sostituisce, proprio per includere il GAP/DGA, la precedente “Substance use disorders”. Oggi è quindi totalmente assimilato alle dipendenze da sostanza. L’ICD-10 (International Classification Disease) dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) lo ha inserito tra i “disturbi delle abitudini e degli impulsi”.

Si tratta di un “comportamento persistente, ricorrente e maladattivo di gioco che comprende gli aspetti della vita personale, familiare e lavorativa del soggetto”.

Il GAP/DGA è solitamente definito una dipendenza sine substantia che in alcuni casi si accompagna ad altre dipendenze o disturbi come depressione, ipomania, disturbo bipolare, impulsività, abuso di sostanze (alcol, tabacco, sostanze psicoattive illegali), disturbi di personalità, deficit dell’attenzione con iperattività, disturbo da attacchi di panico con o senza agorafobiae altri disturbi fisici associati allo stress1.

La patologia è riconducibile ai tre principi distintivi della dipendenza, che valgono tanto per le forme di dipendenza fisica quanto per quelle di dipendenza sine substantia come il GAP/DGA:

-il principio di tolleranza: la necessità di aumentare le dosi nel tempo per conseguire lo stesso grado di soddisfazione;

-il principio del craving: la presenza di un desiderio profondo e di una impulsività non mediata nella ricerca dell’oggetto della dipendenza;

-il principio di astinenza: per guarire i soggetti patologici devono attraversare un periodo di allontanamento dall’oggetto della dipendenza, con sintomi psicofisici di malessere.

Questi tre principi permettono di distinguere un individuo patologico da un giocatore psicologicamente sano. Il principio di astinenza, in particolare, ha portato al riconoscimento della patologia come una dipendenza.

La diagnosi non è tuttavia semplice, deve essere fatta da una equipe di specialisti, e si basa sulla rispondenza ai criteri diagnostici descritti dal DSM V che sono da individuare in un “persistente e ricorrente comportamento problematico di gioco d’azzardo che comporta difficoltà o disagio clinicamente significativi, come indicato da un soggetto che, nell’arco di un periodo di 12 mesi, presenta quattro o più tra i seguenti2:

ha bisogno di giocare con quantità crescenti di denaro per raggiungere l’eccitazione desiderata;

è irrequieto o irritabile quando tenta di ridurre o interrompere il gioco;

ha ripetutamente tentato senza successo di controllare, ridurre, o interrompere il gioco;

è eccessivamente assorbito dal gioco (ad esempio, ha persistenti pensieri su esperienze passate di gioco, di soppesare o programmare

il gioco successivo, di pensare ai modi per procurarsi denaro con cui giocare);

spesso gioca quando si sente a disagio (ad esempio, indifeso, colpevole, ansioso, depresso);

dopo aver perso, spesso torna in un’altra occasione per rifarsi (rincorre le perdite);

mente per occultare l’entità del proprio coinvolgimento nel gioco;

ha messo a repentaglio o perso una relazione significativa, il lavoro, oppure opportunità scolastiche o di carriera per il gioco;

fa affidamento su altri per reperire il denaro per alleviare una situazione finanziaria disperata causata dal gioco.

In Italia la diagnosi basata su questi criteri è affidata ad una squadra multidisciplinare nel contesto di un Servizio per le Dipendenze (Ser.D.).

 

  1. Fonte: Ministero della Salute, 2017
  2. DSM V, Associazione degli Psichiatri Americani, 2013

 

ll gioco d’azzardo patologico non è un processo irreversibile: il primo passo per uscire da questa dipendenza è quello di riconoscersi nella problematica e chiedere aiuto.

Per qualunque informazione ti invitiamo a contattare il numero verde della Siipac:

 

Immagine1Per metterti in contatto con noi compila il form sottostante, vi risponderemo il prima possibile.

    La tua email

    Il tuo messaggio *

    Dichiaro di aver preso visione dell’ Informativa Privacy

    Stai inviando categorie particolari di dati personali? In tal caso ti RICORDIAMO che:
    se il tuo messaggio inserito nel form che ci invii CONTIENE CATEGORIE PARTICOLARI DI DATI PERSONALI e in particolare dati idonei a rivelare uno stato di salute tuo o di terzi (ad esempio perché ci indichi tue problematiche di ludopatia, menzioni tuoi pregressi dati medici, certificazioni, visite sanitarie, terapie, profili psicologici, esperienze di cura, convinzioni religiose, filosofiche o sessuali, etc ), non potremo procedere se non presti il consenso informato e consapevole, spuntando le relative caselle in calce, al trattamento dei dati e alla loro comunicazione ai terzi professionisti esercenti la professione medica o di psicologo come indicato nella Informativa. Il tuo messaggio ci sarà comunque recapitato, ma in assenza di tue manifestazioni di consenso non potremo risponderti fino a quando non saremo autorizzati a trattare tale tipologia i dati.

    Se il tuo messaggio contiene categorie particolari di dati personali, ci autorizzi ad effettuarne il trattamento per potere elaborare la tua richiesta?
    Presto il consenso al trattamento dei dati personali idonei a rivelare lo stato di salute o altre categorie particolari di dati personali per le finalità indicate nell’Informativa (selezionare solo ove il testo dalla richiesta o del messaggio contenga tali dati).*
    NoSi

    Qualora dovesse rivelarsi utile, ci autorizzi ad inoltrare gli eventuali categorie particolari di dati personali a terze parti esercenti la professione medica o di psicologo?
    Presto il consenso alla comunicazione a professionisti esercenti la professione medica o di psicologo dei dati personali idonei a rivelare lo stato di salute o altre categorie particolari di dati personali per le finalità indicate nell’Informativa (selezionare solo ove il testo dalla richiesta o del messaggio contenga tali dati).*
    NoSi

    captcha